• Giano

CAMMINI EDUCATIVI e BACK INTO THE WILD (BIW)

Aggiornamento: 7 mar

Con l'associazione Equilibero abbiamo realizzato numerosi cammini per adolescenti:


C'è un tempo in cui "almeno una volta ci si è misurati... nella maniera più antica soli davanti alla pietra cieca senza altri aiuti che le proprie mani e la propria testa" davanti una prova. Solo così, senza scorciatoie nè finte prove, con il rischio di fallire si misura la propria forza, il proprio valore e il proprio limite ( dal film "Into the wild"). In un trekking itinerante da un un punto sperso sulla cartina (into the wild) scelto dai ragazzi accompagnati da adulti un gruppo di minori ha intrapreso la sua avventura per non perdersi into the wild ma tornare a casa ( Back ) a riportare una forza adulta assaggiata e provata in ognuno, nonchè riconosciuta e richiamata dagli adulti. Un vero rito di passaggio in versione contemporanea.


Dal 2015 al 2022 abbiamo realizzato 6 cammini spostando 44 minori su circa 430 km principalmente in terreno di wilderness. La nostra scelta è di cammini di gruppo su itinerari in natura in esperienze brevi da 5 a 10 giorni massimo. Questi cammini sono stati dedicati ad adolescenti di comunità minori sia con allontanamenti socio-educativi che penali, sia minori del territorio reclutati senza nessun disagio conclamato. Le ultime due versioni luglio 2021 e gennaio 2022 le abbiamo realizzate per conto dell'associazione Lunghi Cammini con l'intento di selezionare ragazzi per Lunghi Cammini one to one e così è stato per uno di loro. Nel gennaio del 2022 abbiamo realizzato un cammino per solo ragazze BIW GIRLS, che ha comportato la nascita di un videoclip "Il Cammino delle storie incrociate".


Il progetto usa un sistema di valutazione che adotta l'Ates Therapy Experience Scale (ATES Scale) rivisto e co-costuito con CEFEO dell'Università di Bologna.

Questa idea è nata assieme allo scomparso Augusto Gimmi De Col, un vero pioniere in Italia su queste sperimentazioni con i ragazzi. Le prime due edizioni le abbiamo realizzate con lui. Un grazie ancora gli è dovuto per questi e i futuri percorsi.


















1 visualizzazione0 commenti